Il mercato riparte dalle città: metà transazioni nei capoluoghi