Acquisto casa o affitto: È il momento di fare la scelta giusta.

Da sempre il nostro Paese si distingue per la sua spiccata propensione al risparmio e per la particolare predilezione per il “mattone”. È infatti quello con la più alta percentuale d’immobili di proprietà e questo a riprova del fatto che la casa è considerata un bene rifugio primario per la maggior parte delle famiglie italiane.

Tuttavia con la crisi del 2008, originata proprio dallo sgonfiarsi della bolla immobiliare statunitense e dalla successiva insolvenza dei mutui cosiddetti “sub-prime”, in questo decennio abbiamo assistito a un vero e proprio collasso del settore, con un crollo del valore immobiliare decisamente inaspettato. La conseguenza è stata una evidente battuta d’arresto del mercato della compravendita immobiliare, resa ancora più marcata per la successiva chiusura posta in essere dal settore bancario, mediante il significato inasprimento improvviso delle condizioni dell’offerta del credito.

Fortunatamente però tutte le crisi non durano in eterno ed oggi, sull’onda di una ripresa più o meno stabile, il settore immobiliare sta lentamente riprendendosi. Ed è ripresa sostenuta anche e soprattutto da una riapertura del credito da parte delle banche che oggi offrono tassi d’interesse molto vantaggiosi.

Se consideriamo poi la tendenza all’innalzamento dei canoni di fitto verificatasi negli ultimi anni, appare evidente che l’opportunità di questo momento storico è da cogliere al volo. Infatti mai prima di oggi è stato così conveniente stipulare un mutuo per l’acquisto di una nuova casa, e, a pensarci bene, invece di pagare un affitto mensile, che mediamente si attesta intorno ai 500 Euro, con la stessa somma mensile si potrebbe ben pensare di accedere ad un mutuo che ci consenta di avere finalmente una casa di proprietà.

Se da un lato abbiamo il vantaggio dei mutui a tassi convenienti, occorre anche fare un’ulteriore considerazione, ovvero che gli immobili hanno perso gran parte del valore rispetto alle quotazioni precedenti la crisi economica. Infatti comprare la casa oggi significa spendere a volte fino alla metà rispetto ai prezzi ante crisi.

In buona sostanza tra tassi ai minimi storici e prezzo degli immobili ridotti, chiedere un mutuo per l’acquisto piuttosto che continuare a pagare un fitto è una scelta davvero saggia.

Infine c’è da aggiungere che questo momento favorevole non durerà a lungo e forse non si ripeterà mai più, pertanto occorre davvero affrontare adesso queste riflessioni.

Chi oggi si trova a pagare un affitto quando con la stessa somma potrebbe pagare il mutuo per una casa di proprietà, non dovrebbe stare a pensarci più di tanto. La scelta è tra pagare per avere qualcosa o pagare per non avere nulla, ed è scelta facile fare!

 



Lascia un commento